Ceramica e materia

piastrelle grezze
lavorazione cotto 1a
Le ceramiche Cottovietri sono fatte di materia viva, argille scelte nate da una terra priva d’impurità.

Ed è questa purezza a lasciarsi plasmare da una manualità antica, fatta di gesti senza tempo. Gli impasti di argille, colorate o lasciate nelle loro tonalità naturali di rosso e di giallo, sono pressati a mano in telai di legno costruiti in svariate forme e dimensioni. La lisciatura delle superfici e la rettifica dei bordi sono i passi di una pratica artigianale che resta impressa per sempre, anche grazie all’essiccazione e alla successiva cottura nelle ‘fornaci’. Saranno proprio questi gesti a fare di ogni creazione ceramica un esemplare unico, per dettagli e imperfezioni.
Lasciato vivere grezzo o lavorato con smalti e decorazioni disparate, ogni manufatto cottovietri mantiene la sua essenza vitale, quella di una materia capace di contenere in sé la memoria del passato e i riflessi del futuro.

Potere al colore. Policromia contro monocromia

per liberare il proprio estro al fine di rendere uno spazio prezioso e trasformare un ambiente da anonimo a unico.
Superando stereotipi e convenzioni, riusciamo ad esaltare e forgiare la materia unendo l’eccellenza dei prodotti con i più moderni criteri dell’architettura bioecologica.
Un intreccio di energie che, se da una parte si esprime nella versatilità delle nostre ceramiche, dall’altra rivive nella libertà creativa e progettuale dell’architetto. L’ampia gamma, le possibili varianti di finitura, la scelta dei formati e la loro duttile lavorabilità si uniscono ad una straordinaria armonia cromatica che perfettamente si adatta agli spazi più diversi. Oggi anche in dimensioni meno vaste e più urbane si afferma la tendenza ad utilizzare tinte decise nei rivestimenti per un luogo che “vuoto” sembra già “arredato”, un luogo a forma, somiglianza e utilità della persona.

piastrelle azzurre
lavorazione cotto a
lavorazione cotto b